Omessa o tardata denuncia di infortunio: i chiarimenti dell’Inail

L’INAIL, con circolare n. 24 del 9 settembre 2021, fornisce chiarimenti in merito al regime sanzionatorio per la violazione dell’obbligo di denuncia degli infortuni pronosticati non guaribili entro tre giorni, previsto dall’art. 53, comma 1, del decreto del Presidente della Repubblica 30 giugno 1965, n. 1124.

L’istituto ricorda che il datore di lavoro deve presentare all’Inail la denuncia per tutti gli infortuni accaduti ai lavoratori che siano prognosticati non guaribili entro tre giorni, indipendentemente da ogni valutazione circola la ricorrenza degli estremi di legge per l’indennizzabilità.

La denuncia telematica dell’infortunio deve essere presentata entro due giorni, decorrenti dal giorno successivo alla data in cui il datore di lavoro ha ricevuto dal lavoratore il numero identificativo del certificato di infortunio trasmesso all’Inail dal medico o dalla struttura sanitaria che presta la prima assistenza, nel quale sono specificati la data di rilascio e i giorni di prognosi.

Per quanto riguarda il termine di scadenza, se trattasi di giorno festivo esso slitta al primo giorno successivo non festivo. Nei casi di lavoro settimanale articolato su cinque giorni lavorativi, il sabato è considerato normale giornata feriale.

Per gli infortuni inizialmente prognosticati guaribili entro tre giorni da quello dell’infortunio, per i quali la prognosi si prolunga al quarto giorno, il termine per la denuncia decorre dal giorno successivo alla data di ricezione dei riferimenti dell’ulteriore certificazione medica di infortunio che accerta la mancata guarigione nei termini di franchigia (3 gg.).

Per infortuni mortali ed infortuni per i quali ricorre pericolo di morte, la denuncia deve essere effettuata entro 24 ore dall’infortunio.

Per quanto riguarda regime sanzionatorio, l’Inail ricorda che in caso di denuncia omessa, tardiva e incompleta, si applica la pena della sanzione amministrativa pecuniaria.

Dal 1° gennaio 2007, l’importo della sanzione è da 1.290,00 a 7.745,00 euro.

Ultime Notizie

Esonero per assunzioni under 36: l’Inps detta le istruzioni operative

La legge di bilancio 2021 ha previsto per le assunzioni a tempo indeterminato e per le trasformazioni dei contratti a tempo determinato in contratti a tempo indeterminato di giovani che...

INPGI: agevolazioni per le assunzioni effettuate dal 1° gennaio 2021

Con la Circolare n. 11 del 22 settembre 2021, l’Inpgi elenca le misure agevolative applicabili per le assunzioni effettuate a partire dal 1° gennaio 2021 relative al personale giornalistico assicurato...

Green pass: il tampone pagato ai dipendenti è benefit

Il tampone pagato dal datore di lavoro al dipendente per potergli consentire l’accesso in azienda, senza un accordo o un regolamento aziendale appositamente redatto, diventa un benefit e come tale...

Omessa o tardata denuncia di infortunio: i chiarimenti dell’Inail

L’INAIL, con circolare n. 24 del 9 settembre 2021, fornisce chiarimenti in merito al regime sanzionatorio per la violazione dell’obbligo di denuncia degli infortuni pronosticati non guaribili entro tre giorni...

Green pass: come organizzare l’attività di controllo

Il DL 23 luglio 2021 n. 105 ha introdotto l’obbligo del Green pass per l’accesso a determinate attività, servizi ed eventi, a decorrere dal 6 agosto 2021 e fino al...

Elezioni amministrative del 3 e 4 ottobre: i permessi elettorali del lavoratore

Nei giorni 3 e 4 ottobre prossimi (domenica e lunedì) si terranno le elezioni amministrative che coinvolgeranno 1349 comuni italiani. L’eventuale ballottaggio è stato fissato per i giorni 17 e...

Green pass: obbligatorio per tutti i lavoratori

Il Consiglio dei Ministri, nella riunione del 16 settembre, ha approvato un ulteriore decreto legge che introduce misure urgenti al fine di prevenire la diffusione dell'infezione da Sars-CoV-2 mediante l'obbligo...

Mod. 770 2021: richiesta documentale per i Clienti

Con il provvedimento del 15 gennaio, l'Agenzia delle Entrate ha approvato il modello 770/2021. Il modello deve essere utilizzato per comunicare i dati relativi alle ritenute operate dai sostitui d'imposta...

Malattia per quarantena Covid-19: l’Inps nega gli indennizzi per il 2021

Nell’ambito della normativa emergenziale Covid-19, l’art. 26, comma 1, del decreto-legge n. 18/2020 ha stabilito che il periodo trascorso in quarantena dei lavoratori dipendenti del settore privato è equiparato a...

Green Pass: obbligatorio nella mensa aziendale, ma non per lavorare

La certificazione verde Covid-19, (Green pass) è stata prevista come obbligatoria dall’art. 9 del decreto-legge n. 52/2021, inizialmente per una serie di attività funzionali agli spostamenti internazionali e poi per...