Super Green pass e obbligo vaccinale per gli over 50: il calendario delle nuove regole

Per contrastare la diffuzione del Covid-19 prodotta dalla quarta ondata della pandemia e per incentivare la diffuzione della campagna vaccinale, il Governo ha messo in campo una serie di misure restrittive e di contenimento approvando, a pochi giorni di distanza l'uno dall'altro, due decreti legge: il DL n. 229/2021 e il DL n. 1/2022 (sull'argomento segnaliamo anche le precedenti circolari del 24/9 e del 14/11/2021).

Le nuove misure non si applicano ai soggetti di età inferiore ai dodici anni ed ai soggetti esenti dalla campagna vaccinale sulla base di idonea e comprovata certificazione medica. I titolari ed i gestori dei servizi e delle attività sono tenuti alla verifica del possesso del Green pass (base o rafforzato) attraverso l'app "verifica C19".

Obbligo di vaccinazione anti Covid per gli over 50

L'obbligo di vaccinazione per la prevenzione dell’infezione da SARS –CoV-2 viene esteso a tutti i cittadini italiani e di altri Stati membri dell’Unione europea residenti nel territorio dello Stato, nonché ai cittadini stranieri iscritti al Servizio sanitario nazionale con 50 anni di età anche se compiuti in data successiva a quella di entrata in vigore del decreto e comunque fino al 15 giugno 2022.

La vaccinazione può essere omessa o differita in caso di accertato pericolo per la salute, in relazione a specifiche condizioni cliniche documentate, attestate dal medico di medicina generale o dal medico vaccinatore, secondo le indicazioni fornite dalle circolari del Ministero della salute.

La guarigione dal Covid, attestata dal medico curante, comporta il differimento della vaccinazione.

Per gli over 50 che violano l'obbligo vaccinale scatta la multa di 100 euro. 

Obbligo di vaccinazione anti Covid per il personale universitario

L’ obbligo vaccinale è esteso senza limiti d'età al personale universitario, che viene pertanto equiparato a quello scolastico.

Green pass rafforzato nei luoghi di lavoro

Dal 15 febbraio e fino al 15 giugno 2022:

  • il personale scolastico e universitario;
  • i dipendenti pubblici;
  • i magistrati negli uffici giudiziari;
  • i lavoratori del settore privato soggetti al nuovo obbligo vaccinale (e quindi con almeno 50 anni di età), devono possedere e sono tenuti a esibire il Green Pass Rafforzato (quello ottenuto a seguito di vaccinazione o di guarigione) per accedere ai luoghi di lavoro.

I lavoratori obbligati a vaccinarsi e sprovvisti di Green Pass rafforzato sono considerati assenti ingiustificati, senza conseguenze disciplinari e con diritto alla conservazione del rapporto di lavoro, fino alla presentazione della certificazione verde, e comunque non oltre il 15 giugno 2022.

Per i giorni di assenza ingiustificata il datore di lavoro non sarà tenuto a erogare la retribuzione né altro compenso o emolumento.

Viene inoltre meno la soglia dimensionale dei 14 dipendenti previsti dalla disciplina vigente ai fini del riconoscimento della possibilità di sospendere il lavoratore senza green pass sostituendolo temporaneamente e quindi, tutte le imprese, dopo il quinto giorno di assenza ingiustificata, potranno sospendere il lavoratore sprovvisto di Green pass per la durata corrispondente a quella del contratto di lavoro stipulato per la sostituzione, comunque per un periodo non superiore a 10 giorni lavorativi, rinnovabili fino al 31 marzo 2022, senza conseguenze disciplinari e con diritto alla conservazione del posto di lavoro per il lavoratore sospeso.

La sanzione per chi, pur essendovi obbligato, si faccia trovare sul luogo di lavoro sprovvisto di Green pass rafforzato è stabilita nel pagamento di una somma da 600 a 1.500 euro, oltre all'irrogazione di eventuali sanzioni disciplinari.

Ai datori di lavoro che non svolgessero le dovute verifiche secondo le prescrizioni si applica invece una sanzione da 400 a 1.000 euro. La sanzione è irrogata dal prefetto ed è raddoppiata in caso di reiterazione.

In caso di esenzione o differimento della vaccinazione per accertate condizioni di salute il datore di lavoro è tenuto ad adibire il lavoratore a mansioni anche diverse e senza decurtazione della retribuzione.

Estensione del Green Pass Base

L’obbligo di Green Pass è esteso a coloro che accedono:

  • ai servizi alla persona;
  • ai pubblici uffici, servizi postali, bancari e finanziari, attività commerciali.

Si fornisce di seguito un riepilogo sintetico della mappa degli obblighi vaccinali a seguito delle novità contenute nel decreto-legge recante misure urgenti per fronteggiare l’emergenza COVID-19, in particolare nei luoghi di lavoro e nelle scuole.

 

CATEGORIE SOGGETTI OBBLIGATI DECORRENZA
Professionisti e operatori sanitari

Coloro che svolgono professioni sanitarie infermieristiche, ostetrica, riabilitative, tecnico-sanotarie e della prevenzione di cui all'art. 1, c. 2, della legge 1 febbraio 2006, n. 43.

 

Dal 15 dicembre 2021
Lavoratori impiegati in RSA

Tutti i soggetti, anche esterni, che svolgono, a qualunque titolo, la propria attività lavorativa in strutture residenziali, socio-assistenziali e socio-sanitarie.

Dal 10 ottobre 2021

Personale della scuola e di altri comparti

Si tratta del personale:

  • della scuola (personale scolastico del sistema nazionale di istruzione, delle scuole non paritarie, dei servizi educativi per l'infanzia di cui all'art. 2 del D.lgs. 13/4/2017, n. 65, dei centri provinciali per l'istruzione degli adulti, dei sistemi regionali di istruzione e formazione professionale e dei sistemi regionali che realizzano i percorsi di istruzione e formazione tecnica superiore);
  • del comparto difesa, sicurezza e soccorso pubblico;
  • della polizia locale;
  • degli organismi della legge n. 124/2007 (sistema di informazione per la sicurezza nazionale;
  • che svolge a qualsiasi titolo la propria attività lavorativa nelle strutture sanitarie e sociosanitarie (art. 8-ter del D.lgs. n. 30/12/1992, n. 502, ad esclusione di quello che svolge attività lavorative con contratti esterni;
  • degli istituti penitenziari (personale che svolge  a qualsiasi titolo la propria attività lavorativa alle dipendenze del Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria e del Dipartimento per la giustizia minorile e di comunità, all'interno degli istituti penitenziari per adulti e minori.

Dal 15 dicembre 2021 ed entro i termini di validità delle certificazioni verdi Covid-19

Over 50

Cittadini italiani e di altri Stati membri dell'Unione europea residenti nel territorio dello Stato, nonchè ai cittadini stranieri iscritti al Servizio sanitario nazionale.

Dal compimento di 50 anni di età anche se compiuti in data successiva alla data di entrata in vigore del decreto e, comunque, fino al 15 giugno 2022

 

Ultime Notizie

Collocamento obbligatorio: adempimenti con esonero più costoso da gennaio 2022

Scade il 31 gennaio 2022 il termine per la trasmissione in via telematica del prospetto informativo disabili, con il quale i datori di lavoro comunicano la propria situazione occupazionale al 31 dicembre...

Assicurazione lavoro domestico: scadenza al 31.1.2022 per assicurare l’infortu…

Il 31 gennaio 2022 scade il termine per effettuare il pagamento dell’importo annuale della polizza obbligatoria dell’assicurazione contro gli infortuni domestici (cd."assicurazione casalinghe"). È obbligato ad assicurarsi contro gli infortuni in ambito domestico...

Green pass: l’elenco delle attività per cui non sarà richiesto dal 1° febbr…

È stato firmato il 21 gennaio 2022, il Dpcm che individua le esigenze essenziali e primarie della persona per soddisfare le quali non è richiesto il possesso del Green Pass. In particolare...

Uso del contante: nuovo limite per i pagamenti cash

Il decreto fiscale collegato alla legge di “Bilancio 2020” ha ridotto il limite per l’utilizzo di denaro contante e titoli al portatore per i cittadini residenti in Italia che, dal...

Assegno unico universale: proroga al 28 febbraio e comunicazione ai lavoratori

Come già ampiamente illustrato nelle nostre precedenti circolari, sulla Gazzetta Ufficiale n. 309/2021 è stato pubblicato il decreto legislativo n. 230/2021 con il quale il Governo, ha istituito, a decorrere...

Certificazione Unica: Comunicazione riservata ai Clienti dello Studio

Gentile Cliente, anche quest’anno, il datore di lavoro, in quanto sostituto di imposta, è tenuto a rilasciare al contribuente, entro il 16 marzo 2022 la Certificazione Unica (CU) per attestare: i...

Limitazioni Covid: la mappa aggiornata delle zone a rischio

Sulla Gazzetta Ufficiale n. 11 del 15 gennaio 2022, è stata pubblicata l’Ordinanza 14 gennaio 2022, con la quale il Ministro della salute ha disposto a partire dal 17 gennaio...

Congedi paternità 2022 e altri sostegni alle lavoratrici madri: le prime istruz…

Tra le misure previste dalla legge di Bilancio ve ne sono alcune rivolte al sostegno della maternità e paternità che si affiancano all’attuazione dell’Assegno unico universale – preso in esame...

Ministero del lavoro: le raccomandazioni per l’utilizzo del lavoro agile

Con la circolare del 5 gennaio 2022, il Ministero del lavoro, a seguito del protrarsi dello stato di emergenza, raccomanda il massimo utilizzo del “lavoro agile” per le attività del...

Al via l’indennità per la disoccupazione involontaria dei lavoratori autonomi…

L’INPS, con la Circolare n. 8/2021, ha fornito le istruzioni in merito all’indennità per la disoccupazione a favore dei lavoratori autonomi dello spettacolo (ALAS) per gli eventi di cessazione involontaria intervenuti a...