Lavoratori autonomi occasionali: invio della comunicazione preventiva e obbligo di comunicazione per i rapporti precedenti

L’articolo 13 del “Decreto Fiscale”, al fine di svolgere attività di monitoraggio e di contrastare forme elusive nell’utilizzo del lavoro autonomo occasionale, ha introdotto l’obbligo, in capo al committente, di segnalare l’avvio dell’attività dei suddetti lavoratori a mezzo invio di preventiva comunicazione all’Ispettorato territoriale del lavoro competente per territorio (ITL).

Nello specifico, si tratta di quei lavoratori (ex art. 2222 c.c.) che si obbligano a compiere, verso un corrispettivo, un'opera o un servizio, con lavoro prevalentemente proprio e senza vincolo di subordinazione nei confronti di un committente e per i quali non è prevista una comunicazione al Centro per l’Impiego (Unilav). In pratica, sono rapporti di lavoro autonomo la cui attività è resa in via eccezionale, episodica e comunque non ricorrente e non abituale, quindi non nell’esercizio di una attività professionalmente organizzata (così come previsto dall’art. 5 del D.P.R. n. 633/1972).

Restano dunque esclusi:

  • le collaborazioni coordinate e continuative ex art. 2, c. 1, del D.lgs. n. 81/2015;
  • le professioni intellettuali e, in genere, tutte le attività autonome esercitate in maniera abituale e assoggettate al regime IVA;
  • i rapporti disciplinati dall’art. 54-bis del DL n. 50/2017 (ex voucher);
  • i rapporti di lavoro “intermediati da piattaforma digitale, comprese le attività di lavoro autonomo non esercitate abitualmente di cui all’art. 67, c.1, lettera l), del Testo unico delle imposte sui redditi.” purché l’attività corrisponda a quella per la quale è aperta la partita IVA.

Ora, l'Ispettorato Nazionale del Lavoro (INL), di concerto con l’Ufficio legislativo del Ministero del lavoro, ha pubblicato la nota n. 29 dell'11 gennaio 2022, con la quale ha fornito le prime indicazioni utili al corretto adempimento comunicativo.

Termini e scadenze

Per tutti i rapporti di lavoro in essere alla data dell’11 gennaio 2022, nonché per i rapporti iniziati a decorrere dal 21 dicembre e già cessati, la comunicazione deve essere effettuata entro il 18 gennaio 2022.

Per i rapporti avviati a partire dal 12 gennaio 2022, la comunicazione deve essere effettuata prima dell’inizio della prestazione del lavoratore autonomo occasionale, eventualmente risultante dalla lettera di incarico.

Modalità di comunicazione

La comunicazione deve essere effettuata all’Ispettorato territoriale del lavoro competente per territorio in base al luogo dove si svolge la prestazione lavorativa, mediante SMS o posta elettronica, come già previsto per i rapporti di lavoro intermittente.

Il Ministero provvederà ad aggiornare gli applicativi affinché si possa procedere similmente a quanto avviene per il lavoro a chiamata.

Nelle more degli aggiornamenti, la comunicazione deve essere effettuata attraverso l’invio di una e-mail ad uno specifico indirizzo di posta elettronica (che si allega alla presente) messo a disposizione di ciascun Ispettorato territoriale. Trattandosi di un indirizzo di posta ordinaria, si consiglia la stampa e la conservazione della comunicazione.

La mail dovrà contenere:

  • dati del committente e del prestatore;
  • luogo della prestazione;
  • sintetica descrizione dell’attività;
  • data inizio prestazione e presumibile arco temporale entro il quale potrà considerarsi compiuta l’opera o il servizio (ad es. 1 giorno, una settimana, un mese). Nell’ipotesi in cui l’opera o il servizio non sia compiuto nell’arco temporale indicato sarà necessario effettuare una nuova comunicazione.

Tra i dati non essenziali è prevista l’indicazione del compenso qualora stabilito al momento dell’incarico.

La mancanza dei dati suindicati comporterà l’applicazione della relativa sanzione amministrativa.

Infine, la comunicazione potrà anche essere oggetto di annullamento o modifica, da inviare sempre a mezzo mail prima dell’inizio della prestazione.

Sanzioni

In caso di omessa o ritardata comunicazione è prevista una sanzione amministrativa da 500 a 2.500 euro per ogni lavoratore autonomo occasionale (anche quando non viene rinnovata per rapporti che si protraggono oltre il tempo originariamente comunicato).

Non potendosi applicare la procedura di diffida, di cui all'articolo 13 del D.Lgs. n. 124 del 2004, in concreto la sanzione sarà pari a 833,33 euro.

Apri l'allegato

Ultime Notizie

CIGO: autorizzata quando il termometro supera i 35 gradi centigradi

Le alte temperature estive richiedono delle premure particolari da parte del datore di lavoro nell’ottica della tutela della salute dei lavoratori, al punto che il datore di lavoro o il...

Work-life balance: cosa cambia sui congedi parentali e di paternità

Nella Gazzetta Ufficiale n. 176 dello scorso 29 luglio è stato pubblicato il D.lgs. n. 105 del 30 giugno 2022, in attuazione di quanto disposto dalla direttiva (UE) 2019/1158 in...

Bonus psicologo 2022: al via la domanda all’Inps

Il decreto-legge n. 228/2021, convertito in legge n. 15/2022 riconosce un contributo economico per sostenere le spese relative a sessioni di psicoterapia fruibili presso specialisti privati regolarmente iscritti nell'elenco degli psicoterapeuti nell'ambito...

App “INPS Mobile": nuovo servizio Assegno unico e universale per i figli …

Con il messaggio n. 2925 del 22 luglio 2022, l’INPS ha reso noto che l’app “INPS Mobile” è stata arricchita con il nuovo servizio dedicato ai dispositivi mobili per la...

Decreto Aiuti: le principali novità per i datori di lavoro

Sulla Gazzetta Ufficiale n. 164/2022 è stata pubblicata la legge n. 91/2022, di conversione del decreto-legge n. 50/2022 (c.d. Aiuti) in vigore dal 16 luglio 2022. L'approvazione definitiva del decreto mira a contrastare...

INPS: sospese le Note di rettifica e le Diffide di adempimento

L’INPS, con un comunicato stampa del 20 luglio 2022, ha reso noto che, al fin di agevolare gli adempimenti delle aziende e dei loro intermediari, a partire dal prossimo 25...

Agenzia delle Entrate: dal 16 luglio 2022 nuovi modelli per rateizzare le cartel…

L’Agenzia delle Entrate-Riscossione ha pubblicato, sul proprio sito istituzionale, la nuova modulistica, valida a partire dal 16 luglio 2022, per richiedere le rateazioni delle cartelle di pagamento in modo semplificato, ovvero...

Buono carburante: solo l’eccedenza di 200 euro concorre ai fringe benefit

Con la circolare n. 27/E, l’Agenzia delle Entrate ha fornito le indicazioni in relazione al c.d. “bonus carburante ai dipendenti”. L’art. 2 del DL n. 21/2022 ha previsto – solo per il...

Assunzioni: nuovi obblighi in arrivo per i datori di lavoro

Assunzioni: nuovi obblighi in arrivo per i datori di lavoro Il Consiglio dei ministri del 31 marzo scorso ha approvato lo schema di decreto legislativo che recepisce e attua la direttiva...

Una tantum 200 euro: on line il servizio per presentare la domanda

L’INPS, con il Messaggio n. 2580 del 27 giugno 2022, ha reso noto che è disponibile sul proprio sito istituzionale il servizio che consente la presentazione delle domande per la...