COVID-19 e prevenzione nei cantieri: le regole fino al 31 dicembre 2022

È stata pubblicata l’ordinanza dei Ministeri della Salute, delle Infrastrutture e del Lavoro del 6 maggio 2022, contenente le linee guida da adottare, fino al prossimo 31 dicembre, per la prevenzione della diffusione del contagio in cantiere del virus Covid 19.

Le linee guida sono rivolte all’ambiente di lavoro “cantiere”, ricomprendendo in tale accezione tutti i datori di lavoro, i lavoratori subordinati ed autonomi, i tecnici e i soggetti che in esso operano.

Spetta poi al coordinatore per la sicurezza integrare il Piano di sicurezza e di coordinamento ed effettuare la relativa stima dei costi, mentre i committenti devono vigilare sulla corretta applicazione delle misure anti-contagio.

Le misure di sicurezza

Nello specifico, l’ordinanza in esame prescrive l’adozione delle seguenti misure:

  • l'utilizzo da parte delle imprese di modalità di lavoro agile (per i lavoratori portatori di particolari patologie) per le attività di supporto al cantiere che possono essere svolte dal proprio domicilio o in modalità a distanza;
  • l'adozione di protocolli di sicurezza anti-contagio.

Informazione sugli obblighi nel cantiere

Il datore di lavoro, anche con l'ausilio dell'Ente Unificato bilaterale Formazione - Sicurezza del settore delle costruzioni, deve informare tutti i lavoratori sulle disposizioni delle Autorità relative:

  • all'accesso in cantiere (in particolare: utilizzo dei dispositivi di protezione individuale messi a disposizione durante le lavorazioni e rispetto di comportamenti igienico-sanitari corretti);
  • all'informazione tempestiva e responsabile del datore di lavoro della comparsa di qualsiasi sintomo influenzale o simil influenzale.

L'impresa affidataria, in collaborazione con il Committente/Responsabile dei lavori e con il Coordinatore della sicurezza in fase di esecuzione ove presente, deve definire le modalità di informazione per gli altri soggetti che accedono in cantiere (ad esempio: tecnici, imprese subappaltatrici, lavoratori autonomi, ecc.).

Dispositivi di protezione individuale

È necessario l'uso delle mascherine secondo quanto previsto dalla disciplina vigente.

Modalità di accesso dei fornitori esterni ai cantieri

Per le necessarie attività di carico e scarico, il trasportatore dovrà far uso del dispositivo di protezione individuale per tutta la durata delle operazioni, laddove, per le caratteristiche dei luoghi o per le circostanze di fatto si possano verificare contatti stretti per un tempo superiore ai 15 minuti.

Pulizia e igiene nel cantiere

Il datore di lavoro deve assicurare la pulizia giornaliera (con prodotti igienizzanti) degli spogliatoi e delle aree comuni, limitando l'accesso contemporaneo a tali luoghi; ai fini della igienizzazione vanno inclusi anche i mezzi d'opera con le relative cabine di guida o di pilotaggio.

In caso di presenza di una persona con COVID-19 il datore di lavoro deve procedere alla pulizia e sanificazione dei locali, degli alloggiamenti e dei mezzi dalla stessa utilizzati. Le persone presenti in cantiere devono adottare tutte le precauzioni igieniche, in particolare il frequente lavaggio delle mani con acqua e sapone o con soluzione idroalcolica.

Gestione spazi comuni (mensa, spogliatoi)

L'accesso agli spazi comuni, comprese le mense e gli spogliatoi, deve essere organizzato, di concerto con il Committente/Responsabile dei lavori e con i coordinatori della sicurezza, al fine di evitare assembramenti e con la previsione di una ventilazione adeguata dei locali.

Gestione di una persona sintomatica in cantiere

Nel caso in cui il lavoratore presente in cantiere sviluppi febbre con temperatura superiore ai 37,5° e sintomi di infezione respiratoria (come la tosse), deve dichiararlo immediatamente al proprio datore di lavoro o al coordinatore della sicurezza in fase di esecuzione che dovrà procedere al suo isolamento in base alle disposizioni dell'autorità sanitaria.

Sorveglianza sanitaria e medico competente

Nell'integrare e proporre tutte le misure di regolamentazione legate al COVID-19, il medico competente deve collaborare con il datore di lavoro e con il RLS/RLST, nonché con il direttore di cantiere e il coordinatore per l'esecuzione dei lavori ove nominato.

Il medico competente, inoltre, nel rispetto della privacy, deve segnalare situazioni di particolare fragilità al datore di lavoro, il quale deve disporre le idonee misure di tutela del lavoratore.

Visualizza l’allegato (Ordinanza Ministero della Salute)

Ultime Notizie

Una tantum 200 euro in busta paga: cosa fare

Con la busta paga di luglio 2022 i datori di lavoro, privati e pubblici, con esclusione dei datori di lavoro domestico, dovranno erogare direttamente ai propri dipendenti il bonus di 200 euro, esentasse. La misura, prevista dal Governo a favore delle famiglie per fronteggiare...

Mod. 770: Circolare richiesta documentale

In prossimità della scadenza relativa alla compilazione della dichiarazione dei sostituti d’imposta, in premessa si forniscono sintetiche informazioni circa le modalità inerenti alla compilazione delle due distinte dichiarazioni: Mod. 770/ SEMPLIFICATO...

Lavoratrici madri: disponibile on-line il modello per rassegnare le dimissioni n…

Il legislatore ha riconosciuto ai genitori lavoratori una particolare tutela nel caso in cui rassegnino le proprie dimissioni durante alcuni periodi di tempo considerati “protetti”. Questa forma di tutela dovrebbe scongiurare...

Mod. 730/2022: le scadenze, i conguagli e i controlli

Il sito dell'Agenzia delle entrate ha messo a disposizione il modello 730 precompilato, a partire dal 23 maggio. Trascorso il termine di 15 giorni, lo stesso può essere modificato, accettato ed inviato on...

Virus: non aprite le mail provenienti da hrservice@aemiliawork.net

Ci hanno avvisato che dall’account hrservice@aemiliawork.net vengono inviate mail contenenti un link da cui scaricare la documentazione. Avvisiamo che NON SONO MAIL CHE STIAMO INVIANDO NOI E MOLTO PROBABILMENTE SI TRATTA...

Permessi elettorali 2022: regole, assenze e busta paga

Domenica 12 giugno si vota per le amministrative e per cinque referendum abrogativi; rivediamo allora la disciplina dei permessi collegati alle assenze per attività elettorali, nell’ambito del rapporto di lavoro...

Decreto Aiuti: 200 euro una tantum, a chi spettano, come e quando

Il DL n. 50/2022 (c.d. Decreto Aiuti) ha introdotto, quale misura a sostegno dei consumatori, una indennità una tantum di 200 euro che i datori di lavoro dovranno riconoscere ai...

Bancomat: dal 30 giugno 2022 la sanzione per la mancata accettazione dei pagamen…

Sulla G.U. n. 100/2022 è stato pubblicato il DL n. 36 del 30/04/2022 che, tra le nuove disposizioni del PNRR, prevede l’anticipo al 30 giugno 2022 (in precedenza era il...

Bonus connettività: al via il voucher per aziende e professionisti

Il bonus connettività si allarga anche ai professionisti. Si parlerà anche di questa agevolazione nel convegno organizzato da Aemilia Worknet, venerdì 27 maggio alle ore 15:00 presso l’Hotel Cosmopolitan di Bologna. I professionisti...

Differimento degli adempimenti contributivi per ferie collettive

Come ogni anno, anche in questo momento di particolare crisi, resta valido il termine per inviare la richiesta di differimento dei versamenti contributivi in caso di chiusura aziendale per ferie...