Assunzioni: nuovi obblighi in arrivo per i datori di lavoro

Assunzioni: nuovi obblighi in arrivo per i datori di lavoro

Il Consiglio dei ministri del 31 marzo scorso ha approvato lo schema di decreto legislativo che recepisce e attua la direttiva UE n. 2019/1152, sulle comunicazioni obbligatorie ai lavoratori, rispetto alle proprie condizioni di lavoro.

La Direttiva prevede misure volte a garantire a tutti i lavoratori sul territorio dell’Unione la giusta conoscenza dei propri diritti, nonché delle condizioni di lavoro a cui saranno sottoposti al momento della stipula del contratto.

Gli obblighi di informazione ai lavoratori sono già disciplinati nel nostro ordinamento nazionale dal D.Lgs. n. 26 maggio 1997, n. 152; il nuovo provvedimento intende stabilire nuove tutele minime per garantire che tutti i lavoratori, inclusi quelli che hanno contratti non standard (es.: co.co.co., prestazioni occasionali), beneficino di maggiore prevedibilità e chiarezza in materia di trasparenza delle informazioni sul rapporto di lavoro e sulle condizioni in cui lo stesso viene svolto.

I datori di lavoro saranno quindi tenuti a fornire, contestualmente al contratto di lavoro, le informazioni ad esso collegate, senza più limitarsi ad operare un semplice richiamo ai contratti collettivi.

Soggetti interessati

La nuova disciplina si dovrà applicare a:

  • tutti i contratti di lavoro subordinato, ovvero contratti a tempo indeterminato e a termine, part time, intermittenti;
  • rapporti di lavoro in somministrazione; 
  • rapporti di collaborazione coordinata e continuativa; 
  • contratti di prestazione occasionale;
  • contratti dei lavoratori marittimi, della pesca e dell'agricoltura;
  • contratti di lavoro domestico.

Non sono compresi negli obblighi:

  • rapporti di lavoro autonomo;
  • lavoro occasionale di durata pari o inferiore a una media di tre ore a settimana in quattro settimane consecutive;
  • i rapporti di agenzia e rappresentanza commerciale;
  • lavoro nell’impresa familiare.

Oggetto della comunicazione 

Nell'informativa fornita ai lavoratori dovranno, inoltre, essere evidenziati i seguenti elementi:

  • tipologia contrattuale;
  • nome dell’azienda e sede di lavoro;
  • data di inizio, data di fine se a termine, il periodo di prova; 
  • inquadramento contrattuale (categoria, livello e qualifica o, in alternativa, la descrizione sommaria del lavoro);
  • orario ordinario di lavoro; 
  • ferie permessi e congedi retribuiti; 
  • obblighi formativi connessi al rapporto di lavoro; 
  • dettagli della retribuzione e contributi previdenziali e assicurativi connessi; 
  • riferimento al contratto collettivo nazionale applicato al rapporto di lavoro, con l’indicazione delle parti che lo hanno sottoscritto, ed eventuali contratti di secondo livello (territoriali e/o aziendali) collegati;
  • dettagli specifici in caso di missioni all'estero.

In aggiunta alle informazioni richieste dalla normativa europea, è previsto l’obbligo di comunicare al lavoratore anche tutte le informazioni relative ai casi in cui le modalità di esecuzione della prestazione vengano organizzate mediante l’utilizzo di sistemi decisionali o di monitoraggio automatizzati.

Al lavoratore dovranno essere riconosciuti anche alcuni diritti materiali, come la possibilità di svolgere un impiego parallelo al di fuori dell’orario di lavoro stabilito, o come la prevedibilità minima del rapporto di lavoro.

L'entrata in vigore 

Le novità si applicheranno esclusivamente ai rapporti di lavoro che saranno instaurati dopo l’entrata in vigore del provvedimento di recepimento della direttiva Ue 2019/1152, che dovrà avvenire entro il 1° agosto 2022, ultimo giorno per recepire la suddetta Direttiva.

Sanzioni

Ai nuovi obblighi si affianca il sistema sanzionatorio volto a tutelare i lavoratori in caso di violazione dei loro diritti: da 250 a 1.500 euro per ogni lavoratore interessato, previa denuncia da parte del lavoratore e previo accertamento ispettivo.

Aumentano, quindi, gli adempimenti burocratici e il rischio sanzioni per i datori di lavoro al momento della stipula di un contratto tanto che, più di qualche autorevole esperto, ha commentato di recente che il contratto di assunzione sarà composto da svariate pagine, che andranno modificate ad ogni variazione contrattuale e con il rischio di indebolimento della contrattazione collettiva, disincentivando i lavoratori dalla lettura dei CCNL.

Ultime Notizie

CIGO: autorizzata quando il termometro supera i 35 gradi centigradi

Le alte temperature estive richiedono delle premure particolari da parte del datore di lavoro nell’ottica della tutela della salute dei lavoratori, al punto che il datore di lavoro o il...

Work-life balance: cosa cambia sui congedi parentali e di paternità

Nella Gazzetta Ufficiale n. 176 dello scorso 29 luglio è stato pubblicato il D.lgs. n. 105 del 30 giugno 2022, in attuazione di quanto disposto dalla direttiva (UE) 2019/1158 in...

Bonus psicologo 2022: al via la domanda all’Inps

Il decreto-legge n. 228/2021, convertito in legge n. 15/2022 riconosce un contributo economico per sostenere le spese relative a sessioni di psicoterapia fruibili presso specialisti privati regolarmente iscritti nell'elenco degli psicoterapeuti nell'ambito...

App “INPS Mobile": nuovo servizio Assegno unico e universale per i figli …

Con il messaggio n. 2925 del 22 luglio 2022, l’INPS ha reso noto che l’app “INPS Mobile” è stata arricchita con il nuovo servizio dedicato ai dispositivi mobili per la...

Decreto Aiuti: le principali novità per i datori di lavoro

Sulla Gazzetta Ufficiale n. 164/2022 è stata pubblicata la legge n. 91/2022, di conversione del decreto-legge n. 50/2022 (c.d. Aiuti) in vigore dal 16 luglio 2022. L'approvazione definitiva del decreto mira a contrastare...

INPS: sospese le Note di rettifica e le Diffide di adempimento

L’INPS, con un comunicato stampa del 20 luglio 2022, ha reso noto che, al fin di agevolare gli adempimenti delle aziende e dei loro intermediari, a partire dal prossimo 25...

Agenzia delle Entrate: dal 16 luglio 2022 nuovi modelli per rateizzare le cartel…

L’Agenzia delle Entrate-Riscossione ha pubblicato, sul proprio sito istituzionale, la nuova modulistica, valida a partire dal 16 luglio 2022, per richiedere le rateazioni delle cartelle di pagamento in modo semplificato, ovvero...

Buono carburante: solo l’eccedenza di 200 euro concorre ai fringe benefit

Con la circolare n. 27/E, l’Agenzia delle Entrate ha fornito le indicazioni in relazione al c.d. “bonus carburante ai dipendenti”. L’art. 2 del DL n. 21/2022 ha previsto – solo per il...

Assunzioni: nuovi obblighi in arrivo per i datori di lavoro

Assunzioni: nuovi obblighi in arrivo per i datori di lavoro Il Consiglio dei ministri del 31 marzo scorso ha approvato lo schema di decreto legislativo che recepisce e attua la direttiva...

Una tantum 200 euro: on line il servizio per presentare la domanda

L’INPS, con il Messaggio n. 2580 del 27 giugno 2022, ha reso noto che è disponibile sul proprio sito istituzionale il servizio che consente la presentazione delle domande per la...