COVID-19: PROROGATO AL 31 GENNAIO 2021 LO STATO DI EMERGENZA

11 ottobre 2020

Il Consiglio dei Ministri ha prorogato al 31 gennaio 2021 lo stato d'emergenza per COVID-19. Con il D.L. 7 ottobre 2020, n. 125, sono state disposte le principali proroghe consequenziali a quella dello stato di emergenza.

Di conseguenza, rimane fermo anche l'incentivo allo smart working per tutti i lavori che possano applicarlo, previsto dalle vigenti disposizioni.

Nello specifico, il Decreto-legge prevede lo slittamento al 31 ottobre 2020 dei termini entro i quali inviare le domande di accesso ai trattamenti di cassa integrazione ordinaria, assegno ordinario e cassa integrazione in deroga collegati all'emergenza da COVID-19, nonché i termini per la trasmissione dei dati necessari per il pagamento o per il saldo degli stessi, compresi quelli differiti in via amministrativa, già prorogati dal Decreto Agosto.

Tra le misure adottate, il Decreto-legge prevede l'obbligo di indossare la mascherina anche all'aperto, fatte salve alcune eccezioni. Per i trasgressori, sono previste sanzioni amministrative che vanno da 400 euro a 1000 euro

Le Regioni potranno adottare soltanto misure anti-contagio più restrittive di quelle disposte dai DPCM emanati dal governo.

Lo Studio rimane a disposizione per ogni eventuale chiarimento.

Archivio news

 

News dello studio

ott11

11/10/2020

COVID-19: PROROGATO AL 31 GENNAIO 2021 LO STATO DI EMERGENZA

Il Consiglio dei Ministri ha prorogato al 31 gennaio 2021 lo stato d'emergenza per COVID-19. Con il D.L. 7 ottobre 2020, n. 125, sono state disposte le principali proroghe consequenziali a quella dello

set28

28/09/2020

QUARANTENA FIGLI: DAL 16/10 PROCEDURA ORDINARIA PER IL LAVORO AGILE

L’articolo 5 del D.L. n. 111/2020, relativo alla ripresa dell’attività scolastica, ha previsto che un lavoratore dipendente (settore pubblico o privato) possa ricorrere allo smart

set26

26/09/2020

REPERIBILITA’ DEL LAVORATORE IN MALATTIA: LA COMUNICAZIONE PUO’ AVVENIRE ON LINE

Con la Circolare n. 106/2020, l’INPS comunica che è disponibile, nel portale web dell’Istituto, il nuovo servizio “Sportello al cittadino per le VMC” con il quale, nell’ambito