Ammortizzatori sociali: al via la riforma di CIG, CIGS e FIS

Il Ministero del lavoro, con la circolare n. 1 del 3 gennaio 2022, ha fornito le prime indicazioni sulle disposizioni in materia di ammortizzatori sociali, a seguito delle modifiche alla disciplina operate dalla legge di Bilancio 2022.

Le modifiche si riferiscono ai periodi di sospensione o riduzione dell’attività lavorativa   integrati dai trattamenti di cassa integrazione guadagni decorrenti dal 1° gennaio 2022 (sono pertanto esclusi dal suo ambito di applicazione i periodi iniziati nel corso del 2021 e che proseguono nel 2022).

Si fornisce, di seguito, una sintesi dei principali aspetti sulle nuove modalità applicative.

Lavoratori beneficiari

Dal 1° gennaio 2022, possono essere destinatari del trattamento di integrazione salariale anche i lavoratori a domicilio e i lavoratori con apprendistato di alta formazione e di ricerca, i lavoratori con apprendistato per la qualifica e il diploma professionale, il diploma di istruzione secondaria superiore e il certificato di specializzazione tecnica superiore oltre, naturalmente, ai lavoratori dipendenti assunti con contratto subordinato. Restano invece esclusi i dirigenti.

Per gli apprendisti, la sospensione o la riduzione dell’orario di lavoro non deve pregiudicare il completamento del percorso formativo.

Anzianità di effettivo lavoro

 Passa da 90 a 30 giorni il requisito dell’anzianità di effettivo lavoro che i lavoratori devono aver maturato per godere delle integrazioni salariali.

I 30 giorni devono esser stati maturati alla data di presentazione della domanda di autorizzazione alla concessione della CIG ordinaria o straordinaria (salvo il caso di CIGO con causale di evento non oggettivamente evitabile nel settore industriale).

Per effettivo lavoro si intendono le giornate di effettiva presenza al lavoro a prescindere dalla tipologia di orario di lavoro svolto, indipendentemente dal fatto che tale anzianità sia o meno maturata in via continuativa o che sia immediatamente precedente all’inizio dell’intervento dell’ammortizzatore sociale. Nei 30 giorni, sono computate anche le giornate di sospensione dall’attività lavorativa derivanti dalla fruizione di ferie, festività, infortuni e astensione obbligatoria dal lavoro per maternità.

Computo dei lavoratori dipendenti per la CIGS

Per fruire dei trattamenti di integrazione salariale, l’impresa deve avere alle dipendenze mediamente più di 15 dipendenti, da calcolarsi in riferimento al semestre precedente la data di presentazione della domanda.

Tale soglia, secondo le nuove norme della legge di Bilancio 2022, deve tenere conto:

  • dei lavoratori con la qualifica di dirigente;
  • dei lavoratori a domicilio;
  • degli apprendisti;
  • nonché dei lavoratori che prestano la loro opera con il vincolo di subordinazione, sia all’interno che all’esterno dell’azienda.

Vanno considerati nel calcolo dell’organico i lavoratori che svolgono prestazione lavorativa presso il domicilio proprio o in un altro locale di cui abbiano la disponibilità, i collaboratori etero-organizzati, i lavoratori con apprendistato di alta formazione e di ricerca, i lavoratori con apprendistato per la qualifica e il diploma professionale, il diploma di istruzione secondaria superiore e il certificato di specializzazione tecnica superiore e di apprendistato di alta formazione e ricerca.

Nessuna soglia dimensionale è invece prevista per l'accesso agli ammortizzatori sociali straordinari da parte di:

  • imprese del trasporto aereo e di gestione aeroportuale e società da queste derivate, nonché imprese del sistema aeroportuale;
  • partiti e movimenti politici e loro rispettive articolazioni e sezioni territoriali, a condizione che risultino iscritti nel registro di cui all'articolo 4, comma 2, del decreto-legge 28 dicembre 2013, n. 149, convertito, con modificazioni, dalla legge 21 febbraio 2014, n. 13.

Importi del trattamento di integrazione salariale

A partire dal 1° gennaio 2022, viene previsto un unico tetto della prestazione (rispetto ai due precedenti) rivalutato annualmente dall’INPS (€ 1.199,72 per l’anno 2021) secondo gli indici ISTAT a prescindere dalla retribuzione mensile di riferimento dei lavoratori.

Contribuzione addizionale

Le imprese che ricorrono alla cassa integrazione guadagni ordinaria e straordinaria saranno tenute (a partire dal 1° gennaio 2025) al versamento di un contributo addizionale ridotto rispetto alle attuali aliquote. In particolare, la misura premiante riguarderà solo le aziende che non abbiano fruito di trattamenti di integrazione salariale per almeno 24 mesi dall’ultima richiesta. Per le stesse il contributo addizionale sarà calcolato secondo le seguenti aliquote:

  • 6% fino a 52 settimane di ricorso all’ammortizzatore sociale in un quinquennio mobile;
  • 9% oltre le 52 settimane e fino a 104 settimane in un quinquennio mobile;
  • 15% oltre le 104 settimane in un quinquennio mobile.

Sono escluse dal versamento del contributo addizionale le imprese sottoposte a procedura concorsuale e quelle ammesse all’amministrazione straordinaria.

Erogazione e termine per il rimborso delle prestazioni

Nelle ipotesi in cui il Ministero del lavoro abbia autorizzato il pagamento diretto ai lavoratori della prestazione di integrazione salariale, il datore di lavoro è tenuto, a pena di decadenza dell’autorizzazione, ad inviare all’INPS tutti i dati necessari per il pagamento o per il saldo dell’integrazione salariale, entro la fine del secondo mese successivo a quello in cui inizia il periodo di integrazione salariale, ovvero, se posteriore, entro il termine di 60 giorni dalla data del provvedimento di autorizzazione alla concessione della cassa integrazione.

Trascorsi tali termini, il pagamento della prestazione di integrazione salariale e degli oneri ad essa connessi rimangono in capo al datore di lavoro.

Compatibilità con lo svolgimento di attività lavorativa

Non ha diritto al trattamento di integrazione salariale per le giornate di lavoro effettuate il lavoratore, già beneficiario di integrazione salariale, che svolga - nel periodo di sospensione o riduzione di orario di lavoro - attività di lavoro subordinato di durata superiore ai 6 mesi o attività di lavoro autonomo.

In caso di durata pari o inferiore ai sei mesi, il trattamento di integrazione salariale è sospeso.

Cassa integrazione guadagni straordinaria

La riforma degli ammortizzatori sociali non modifica in modo significativo la disciplina della CIGO, ma interviene sulla cassa integrazione guadagni straordinaria stabilendo che la relativa disciplina si applichi alle imprese che nel semestre precedente la presentazione dell’istanza abbiano occupato mediamente più di 15 dipendenti calcolati in base ai criteri indicati in precedenza.

Inoltre, le tutele dalla cassa integrazione guadagni straordinaria e i relativi obblighi contributivi sono estesi a tutte le imprese (con più 15 dipendenti) che non accedono ai fondi di solidarietà bilaterali, fondi bilaterali alternativi e al fondo territoriale intersettoriale delle province autonome di Trento e Bolzano.

La disciplina della CIGS si applica anche ai datori di lavoro con più 15 dipendenti, iscritti al FIS (Fondo di integrazione salariale) e, a prescindere dal requisito occupazionale, alle imprese del trasporto aereo e di gestione aeroportuale e alle società da queste derivate e alle imprese del sistema aeroportuale nonché ai partiti e movimenti politici e loro rispettive articolazioni e sezioni territoriali.

Causali di intervento delle integrazioni salariali straordinarie

Il trattamento di integrazione salariale straordinario può essere richiesto per una delle seguenti causali:

  • riorganizzazione aziendale. La causale è stata ampliata alle ipotesi di programmi aziendali volti “anche a realizzare processi di transizione”. In tal caso l’impresa deve presentare un programma di interventi (che può, nelle linee di programmazione industriale, essere condiviso anche con il MISE) con l'indicazione delle azioni di transizione da realizzare o delle azioni di riconversione degli impianti già esistenti e che possono essere finalizzate all’efficientamento energetico e a un potenziamento straordinario in tema di misure di sicurezza;
  • crisi aziendale. Le imprese devono predisporre un programma corredato da un piano di risanamento volto a fronteggiare gli squilibri di natura produttiva finanziaria, gestionale o derivanti da condizionamenti esterni. Il piano deve indicare anche gli interventi correttivi e gli obiettivi concretamente raggiungibili finalizzati alla continuazione dell’attività aziendale e alla salvaguardia occupazionale;
  • Solidarietà. Dal 1° gennaio 2022, per i contratti di solidarietà difensivi la riduzione media oraria programmata può raggiungere l’80% dell’orario giornaliero, settimanale o mensile dei lavoratori interessati e per ciascun lavoratore la percentuale di riduzione complessiva massima dell'orario di lavoro può raggiungere il 90% dell’orario nell'arco dell'intero periodo per il quale il contratto di solidarietà è stipulato.

Fondi di solidarietà bilaterali

Il campo di applicazione dei Fondi di solidarietà è esteso ai datori di lavoro che occupano anche solo un lavoratore dipendente.

In mancanza di adeguamento dei Fondi entro il 31 dicembre 2022, i datori di lavoro del relativo settore confluiscono, a decorrere dal 1° gennaio 2023, nel fondo di integrazione salariale.

Fondo di integrazione salariale

Dal 1° gennaio 2022, sono soggetti alla disciplina del FIS i datori di lavoro che occupano almeno un dipendente, non rientranti nell’ambito di applicazione della Cassa integrazione ordinaria e non ricompresi nei Fondi di solidarietà bilaterali.

Accordo di transizione occupazionale

È previsto un ulteriore periodo di integrazione salariale, pari ad un massimo di 12 mesi, da richiedere in esito ad un intervento di CIGS di crisi aziendale e di riorganizzazione aziendale solo nell’ipotesi in cui le parti stipulino un accordo finalizzato a sostenere le transizioni occupazionali (c.d. accordo di transizione occupazionale).

I lavoratori interessati da tale ulteriore trattamento di integrazione, accedono al programma Garanzia di occupabilità dei lavoratori (GOL).

Nel caso in cui un lavoratore, durante o al termine del percorso formativo, venga assunto da un’altra azienda, a quest’ultima verrà riconosciuto un incentivo economico pari al 50% della CIGS autorizzata e non goduta per ogni mensilità di retribuzione corrisposta al lavoratore assunto con contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato.

Ultime Notizie

Collocamento obbligatorio: adempimenti con esonero più costoso da gennaio 2022

Scade il 31 gennaio 2022 il termine per la trasmissione in via telematica del prospetto informativo disabili, con il quale i datori di lavoro comunicano la propria situazione occupazionale al 31 dicembre...

Assicurazione lavoro domestico: scadenza al 31.1.2022 per assicurare l’infortu…

Il 31 gennaio 2022 scade il termine per effettuare il pagamento dell’importo annuale della polizza obbligatoria dell’assicurazione contro gli infortuni domestici (cd."assicurazione casalinghe"). È obbligato ad assicurarsi contro gli infortuni in ambito domestico...

Green pass: l’elenco delle attività per cui non sarà richiesto dal 1° febbr…

È stato firmato il 21 gennaio 2022, il Dpcm che individua le esigenze essenziali e primarie della persona per soddisfare le quali non è richiesto il possesso del Green Pass. In particolare...

Uso del contante: nuovo limite per i pagamenti cash

Il decreto fiscale collegato alla legge di “Bilancio 2020” ha ridotto il limite per l’utilizzo di denaro contante e titoli al portatore per i cittadini residenti in Italia che, dal...

Assegno unico universale: proroga al 28 febbraio e comunicazione ai lavoratori

Come già ampiamente illustrato nelle nostre precedenti circolari, sulla Gazzetta Ufficiale n. 309/2021 è stato pubblicato il decreto legislativo n. 230/2021 con il quale il Governo, ha istituito, a decorrere...

Certificazione Unica: Comunicazione riservata ai Clienti dello Studio

Gentile Cliente, anche quest’anno, il datore di lavoro, in quanto sostituto di imposta, è tenuto a rilasciare al contribuente, entro il 16 marzo 2022 la Certificazione Unica (CU) per attestare: i...

Limitazioni Covid: la mappa aggiornata delle zone a rischio

Sulla Gazzetta Ufficiale n. 11 del 15 gennaio 2022, è stata pubblicata l’Ordinanza 14 gennaio 2022, con la quale il Ministro della salute ha disposto a partire dal 17 gennaio...

Congedi paternità 2022 e altri sostegni alle lavoratrici madri: le prime istruz…

Tra le misure previste dalla legge di Bilancio ve ne sono alcune rivolte al sostegno della maternità e paternità che si affiancano all’attuazione dell’Assegno unico universale – preso in esame...

Ministero del lavoro: le raccomandazioni per l’utilizzo del lavoro agile

Con la circolare del 5 gennaio 2022, il Ministero del lavoro, a seguito del protrarsi dello stato di emergenza, raccomanda il massimo utilizzo del “lavoro agile” per le attività del...

Al via l’indennità per la disoccupazione involontaria dei lavoratori autonomi…

L’INPS, con la Circolare n. 8/2021, ha fornito le istruzioni in merito all’indennità per la disoccupazione a favore dei lavoratori autonomi dello spettacolo (ALAS) per gli eventi di cessazione involontaria intervenuti a...