Fringe benefit in busta paga: come applicare la nuova esenzione fino a 3.000 euro per il 2022

Il Consiglio dei ministri, nella seduta del 10 novembre, ha approvato un decreto-legge (c.d. DL Aiuti quater) che introduce ulteriori misure a sostegno di imprese e lavoratori che, sul piano economico, hanno subito gli effetti negativi, dovuti alla crisi ucraina.

Tra le varie misure, una che suscita grande interesse, è quella che aumenta, da 600 a 3.000 euro, il tetto massimo di esenzione dei fringe benefits: si tratta di una modifica al Decreto Aiuti bis, valida “limitatamente” al periodo d’imposta 2022.

Le risorse dei fringe benefit, che possono essere corrisposti dal datore di lavoro anche ad personam, potranno essere utilizzate dai lavoratori anche per il pagamento o il rimborso delle utenze domestiche di acqua, luce e gas.

Su questo argomento, nei giorni scorsi, l’Agenzia delle Entrate ha pubblicato una circolare esplicativa per spiegare nel dettaglio l’utilizzo dei fringe benefit da parte di aziende e lavoratori (ns. circ. del 7 novembre u.s.).

Tra i fringe benefit più comuni troviamo: l’auto aziendale, gli smartphone, i pc portatili, le polizze assicurative e i buoni pasto, solo per citarne alcuni.

La loro attribuzione, di solito, avviene all’interno del contratto individuale. Inserirli in un programma di welfare aziendale, tuttavia, ha dei vantaggi, sia dal punto di vista della motivazione, sia da quello della performance, in quanto permette di gratificare i lavoratori attraverso un ampio ventaglio di offerte.

Superamento della soglia di esenzione

Come illustrato nella nostra circolare dello scorso 7 novembre, qualora, in sede di conguaglio dovesse emergere che il valore dei beni o dei servizi prestati sia superiore a tale soglia (3.000 euro), il datore di lavoro dovrà assoggettare a tassazione l’intero importo corrisposto.

Come determinare il valore dei fringe benefit erogati

L'erogazione di beni, prestazioni, opere e servizi da parte del datore di lavoro può avvenire mediante documenti di legittimazione, in formato cartaceo o elettronico, riportanti il relativo valore nominale: si tratta, come stabilito dal TUIR, del prezzo o corrispettivo mediamente praticato per i beni e i servizi della stessa specie o similari, in condizioni di libera concorrenza e al medesimo stadio di commercializzazione, nel tempo e nel luogo in cui i beni o i servizi sono stati acquisiti o prestati, e, in mancanza, nel tempo e nel luogo più prossimi.

L’agevolazione si applica limitatamente all’anno d’imposta 2022, tenendo presente che, (in ossequio al principio di cassa allargato) si considerano percepiti nel periodo d’imposta anche le somme e i valori corrisposti entro il 12 gennaio del periodo d’imposta successivo a quello a cui si riferiscono.

Casi particolari

Qualora il rapporto di lavoro si interrompa prima della fine dell’anno solare e il dipendente inizi, nel corso del medesimo periodo d’imposta, un altro rapporto di lavoro, è necessario, ai fini del computo del limite, considerare anche i fringe benefit eventualmente concessi dal precedente datore di lavoro, dal momento che i lassi temporali associati ai due distinti rapporti di lavoro costituiscono un unico periodo d’imposta.

Si ricorda che AEmilia Worknet offre la propria consulenza sia nella definizione di un sistema di Welfare Aziendale che nella gestione di tutte le pratiche necessarie per il conseguimento dei relativi benefici contributivi e fiscali.

Ultime Notizie

Fringe benefit fino a 3.000 euro: come deve gestire il datore di lavoro il rimbo…

Il decreto Aiuti-quater ha innalzato per il solo anno 2022 fino a 3.000,00 euro il limite entro il quale è possibile riconoscere ai dipendenti beni e servizi esenti da prelievo...

Lavoro sportivo: in Gazzetta Ufficiale le modifiche alla riforma

Con il decreto legislativo 5 ottobre 2022, n. 163, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 256 del 2 novembre 2022 è stato modificato il D.lgs. n. 36/2021 attuativo della riforma dello sport...

Fringe benefit in busta paga: come applicare la nuova esenzione fino a 3.000 eur…

Il Consiglio dei ministri, nella seduta del 10 novembre, ha approvato un decreto-legge (c.d. DL Aiuti quater) che introduce ulteriori misure a sostegno di imprese e lavoratori che, sul piano...

Nuovi congedi parentali: le novità della riforma

Con il decreto legislativo 30 giugno 2022, n. 105 sono entrate in vigore, a partire dal mese di agosto, una serie di disposizioni sul congedo di maternità, paternità e parentale...

Fringe benefit: oltre 600 euro si applica la tassazione sull’intero importo

Il superamento del limite dei 600 euro per i fringe benefit 2022 implica la tassazione ance della quota inferiore al limite stesso. L’Agenzia delle Entrate, con la circolare n. 35 del...

Una tantum 200 e 150 euro: le istruzioni Inps

L’Inps con due recenti messaggi ha fornito le indicazioni operative per la fruizione dell’una tantum, sia di 200 euro che di 150 euro, previste rispettivamente dal DL n. 50/2022 e...

Decreto Aiuti ter: procedura e fac-simile per il “Bonus 150” euro

Come anticipato nella nostra circolare del 12 ottobre 2022, il Governo ha approvato un nuovo bonus una tantum per aiutare le famiglie a contrastare gli effetti dell’inflazione e l’aumento dei...

Lavoro sportivo: nuove regole in vigore dal 2023

Dal 2023 entrano in vigore le nuove regole per i lavoratori del settore sportivo, approvate in via definitiva lo scorso 29 settembre con uno schema di decreto legislativo correttivo del D.lgs. n...

Inail: al via gli avvisi bonari per i debiti 2021

La spedizione degli avvisi bonari da parte dell’INAIL è un adempimento periodico che l’Istituto compie annualmente, prima che gli importi eventualmente non pagati vadano a ruolo. In particolare, nel mese di...

Asse.co.: concessi contributi per certificare aziende e datori di lavoro

La Regione Regione Emilia-Romagna, con delibera n. 1565 del 19 settembre 2022, ha dato attuazione a quanto stabilito dalla L.R. n. 11/2022, approvando lo schema di convenzione sottoscritto con Unioncamere...